Solidarietà e sostegno per il nostro Collega: condannato a rispondere per oltre 120 mila euro, al termine di un’odissea umana e giudiziaria. VERGOGNA!

Aiutiamo il collega di Milano – Francesco Bartucci, e la sua Famiglia: condannato a rispondere per oltre 120 mila euro a causa del servizio di Polizia Locale in una vicenda dai contorni nebulosi nel 2005.

VERGOGNA!!!!!

SOLIDARIETA’ AL COLLEGA FRANCESCO, DELLA POLIZIA LOCALE DI MILANO, CADUTO IN QUESTO INCREDIBILE EPISODIO E COME TROPPO SPESSO SUCCEDE L’ANELLO DEBOLE DELLA SOCIETA’ PAGA – SOSTENIAMOLO ATTRAVERSO QUESTA RACCOLTA FONDI PRESSO:

BANCA CARIGE – AGENZIA PAVIA IBAN IT96J0617511302000000444980  intestato a BARTUCCI FRANCESCO

stampa

 

Con questa poche righe desidero condividere con voi la mia esperienza

Il 14 maggio del 2005 svolgevo regolarmente il mio servizio con il collega di  turno; inviati dalla Centrale Operativa in Via San Paolino  ad elevare delle multe per divieto di sosta a seguito di una segnalazione dell’ATM, ci siamo ritrovati aggrediti da circa 40 cittadini inferociti per avere ricevuto la multa per divieto di sosta di euro 35,00,   tra questi uno in particolare che oltre ad aggredirmi con schiaffi e pugni, colpendo per errore persino  sua moglie, si rifiutava di fornire le proprie generalità e solo dopo l’intervento di altre 4 pattuglie sopraggiunte in emergenza, in totale erano lì in 5 per un totale di 10 agenti e dopo varie opere di convincimento si decideva finalmente a dare il proprio documento d’identità ad un agente della 3a pattuglia giunta sul posto. A causa dell’aggressione mi recavo subito in pronto soccorso  dove mi rilasciavano il referto con prognosi di 20 gg. e con la seguente diagnosi:  contusione rachide cervicale, spalla dx ed emitorace dx.

A seguito dell’aggressione denunciavo questo tizio per violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Durante il processo, Il tizio per difendersi affermava che in quella via i divieti di sosta non esistevano, affermazione supportata da un documento rilasciato dall’ufficio traffico e viabilità del Comune di Milano, e i due agenti impazziti elevavano le multe senza una ragione e per pura invenzione. Io e il mio collega venivamo interpellati il 05 febbraio 2008 solo come testimoni, il giudice, senza avere eseguito alcuna indagine, assolveva pienamente il tizio con sentenza passata in giudicato l’8 giugno 2009 (il Comune di Milano che era a conoscenza del processo e di conseguenza della sentenza di assoluzione emessa non ce l’ha mai notificato precludendoci la possibilità di un intervento immediato)  e invertiva il capo d’accusa ordinando un procedimento contro di me e il mio collega per falsa testimonianza e calunnia inviando gli atti in procura mentre il legale del cittadino richiedeva un risarcimento di euro 175.000,00.

In sostanza io e il mio collega da persone offese diventavamo  imputate e ne venivamo a conoscenza  solo nel luglio 2009 da una lettera ricevuta tramite il Comando della Polizia Locale che preannunciava l’applicazione di un rapporto disciplinare momentaneamente sospeso in attesa della sentenza finale.

Secondo GUP e GIP l’esame del fascicolo da me presentato con tutte le prove non era di loro competenza per cui decidevano di rinviare ad un nuovo giudice che aprisse un nuovo dibattimento con imputazione coatta, quest’ultimo giudice di primo grado di giudizio accettava le prove solo parzialmente e decideva di non archiviare il caso e di andare avanti con il processo, risultato è stato una condanna per calunnia a 2 anni di reclusione per me e per il collega un anno e 4 mesi per falsa testimonianza e al pagamento di danni per un totale di euro 11.000,00.

Su consiglio degli avvocati questa cifra è stata pagata ma abbiamo deciso di ricorrere in appello per ottenere l’assoluzione piena di entrambi; oggi 3 ottobre la sentenza della Corte di Appello di Milano è stata di conferma della condanna di primo grado che prevedeva 2 anni per me e un anno e 4 mesi per il collega con la differenza che il mio reato si è prescritto mentre il mio collega dovrà ricorrere in Cassazione per preservarsi il posto di lavoro.

Cordiali saluti

Milano, 3 ottobre 2014

LA CRONACA

articolo-giornale-page0.jpg

articolo-giornale-page1.jpg

articolo-giornali-1-page0.jpg

articolo-giornali-1-page1.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...